Like this post

Il mio inizio sei te.

É normale essere così felici ed innamorati da piangere?
0 note

Le loro labbra si cercavano.
E più si trovavano, più si desideravano.
Si rincorrevano in un gioco sconosciuto ma tanto amato.

Erano così, gli innamorati.

Em. (via aliveforlive)
88 note
Mi bacia a lungo sulla bocca, poi si lecca le labbra, dice che sono il sapore della sua vita. (via sorrisi-per-coprire-i-pianti)
81 note
i sorrisi prima di un bacio. (via iterremotidentro)
158 note
Poi mi accarezzavi i capelli, e io tremavo. (via alwaysfallingirl)
163 note
Sei lunatica quando t’innamori.
Un minuto prima sei triste, e in quello successivo la felicità ti abbraccia forte.
L’amore sconvolge il tuo animo, credo.
Scombussola la tua quiete interiore.
Cambia qualcosa dentro di te.
Senti di dipendere da qualcuno.
E hai paura. Hai paura perché non va bene così. Non ti è mai andato giù quando qualcuno ti toglieva la tua indipendenza. Ma non sai cosa ti succede. Non sai perché vuoi accettare questa impensabile condizione. Non sai perché permetti alla tua felicità di dipendere da una persona. Non sai perché glielo permetti.
Non va bene. Ma se è di lui che si parla, allora si. uncasinoinnamorato (via uncasinoinnamorato)
222 note
E poi l’avrebbe guardata negli occhi, le avrebbe messo quella ciocca ribelle che le cadeva sempre innanzi agli occhi dietro l’orecchio. Avrebbe accarezzato la sua guancia nella speranza che lei si lasciasse cullare.
Nella speranza che quella piccola anima fragile, a pezzi, si facesse raccogliere da lui.
Perché aveva voglia di farlo, voleva salvarla, voleva vedere quegli occhioni dolci pieni di vita e non persi.
Si sarebbe avvicinato lentamente a lei, notando le sue espressioni cambiare.
Sorpresa.
Terrore.
Non appena le labbra si fossero congiunte con le sue, lei avrebbe prima strabuzzato gli occhi, per poi finalmente lasciarsi cullare dalla dolcezza di quel bacio.
Gli occhi si sarebbero addolciti, ravvivati.
Poi li avrebbe chiusi e per un momento, uno soltanto, lei si sarebbe sentita al sicuro, forse. miamerestisenonfossimestessa. (via miamerestisenonfossimestessa)
221 note
La baciò.
In quel momento esplose qualcosa dentro di loro.
Non era una bomba nucleare.
Non era neanche un vulcano.
Erano una marea di farfalle che si propagavano nel loro stomaco. Svolazzavano libere. Come se avessero aspettato solo quel momento per potersi liberare.
bubbbu (via bubbbuusettete)
298 note
Like this post

deryhana:

"Dio benedica i baci, quelli senza contegno.”